Visualizzazione post con etichetta Oaxaca. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Oaxaca. Mostra tutti i post

venerdì 18 marzo 2011

Firmamento Messicano


Il cielo ha accompagnato l'umanità durante la sua esistenza, e la sua influenza è stata fondamentale per l'evoluzione intellettuale. Grazie agli stimoli visuali di questo grande spazio cosmico l'uomo prese coscienza dei movimenti delle stelle intraprendendo cosi il suo cammino nel campo della scienza astronomica espandendo la sua visione cosmica.
In Messico anche l'uomo precolombiano approfondì la sua conoscenza di questo cielo pieno di bellezza ma allo stesso tempo pieno di incognite. Con il passare dei secoli imparò a sviluppare tecniche per conoscere i movimenti ed i periodi di osservazione dei principali corpi celesti. Riuscì cosi a generare un punto temporale per organizzare tutte le sue attività creando un sistema basato su di un calendario essenziale per il funzionamento di quelle società. Questo avvicinamento agli astri da parte dell'uomo mesoamericano era il risultato di un sentimento culturale che attribuiva il comportamento degli astri con quello degli dei.
Praticamente si considerava il calendario come un dono di queste divinità dato all'uomo per potersi beneficiare.
Nonostante questa prerogativa i numerosi conseguimenti da parte dei sacerdoti-astronomi preispanici possono essere catalogati come attendibili risultati scientifici. Questa conoscienza si integrò con lo sviluppo di alcuni manufatti relazionati agli astri, come i codici, le stele, le ceramiche, le pitture murali, i petroglifici e l'architettura. Forme e orientazioni che aiutano a capire il processo ideologico di queste civiltà.
Lo studio archeoastronomico si concentra in queste espressioni singolari.
Il Codice Maya ad esempio contiene tavole dove vengono descritti periodi di osservazione di alcuni pianeti così come il registro di eclissi della luna e del sole. Risultati ottenuti oltre che con la paziente osservazione del cielo anche da calcoli complessi.


Una pratica che prevalse durante tutta l'epoca precolombiana fù l'orientamento di strutture architettoniche lungo direzioni definite dagli eventi astrali. Come in altre culture antiche, si eressero piramidi e palazzi orientati verso il disco solare all'orizzonte, il Paso Cenital (il passo del sole sopra lo zenit che si presenta nella zone prossime al tropico) oppure nei giorni dell'equinozio o del solstizio.
Si costruirono anche strutture dove in questi particolari giorni si potevano notare giochi di luci o ombre.

Vennero anche costruite strutture allineate con altri corpi celesti come la luna, venere o la via lattea che permettevano di osservare movimenti e cicli.

Di questi osservatori in Messico se ne conoscono pochi ma c'e' da dire che le nostre conoscenze in merito a queste misteriose civiltà è minimo. Si suppone inoltre che molti siti siano ancora nascosti altri invece sono stati distrutti con l'arrivo degli spagnoli.


Visualizza in una mappa di dimensioni maggiori

I principali osservatori che si conoscono attualmente in Messico sono i seguenti:

El Caracol
Chichén Itzá, Yucatan


Attraverso dei suoi elementi architettonici, vani di entrata, finestre, nicchie, scalinate e vertici delle sue piattaforme, si segnalano le posizioni nell'orizzonte dove sorgono e tramontano diversi tipi di oggetti celestiali come il sole, la luna e venere durante la loro traiettoria. All'epoca della loro costruzione si indicavano anche la posizione di altre stelle particolarmente brillanti.

Edificio Circular de Mayapán
Yucatan


Situato nella ultima grande città maya prima dell'arrivo degli spagnoli, questo edificio ha quattro accessi e delle nicchie interne con pitture murali. Insieme segnalavano la posizione del sole nei giorni astronomicamente importanti coincidendo con date del loro calendario che divideva l'anno solare in porzioni espresse in numeri.

Conjunto de la Plaza de la Estela de los Dos Glifos
Xochicalco, Morelos

Il punto di osservazione è segnalato da una stella al centro della piazza corrispondente al nome del calendario di Quetzalcóatl. Il giorno dell'equinozio il sole si allinea lungo l'asse di questa stella. Gli estremi della piattaforma inoltre indicano la posizione del sole nei giorni del solstizio. È così possibile utilizzare questa osservazion per determinare anche la durata esatta dell'anno solare.

Cueva Astronomica de Xochicalco
Xochicalco, Morelos

Una grotta naturale sistemata dagli architetti-astronomici precolombiani permette di calibrare non solo l'anno solare ma anche osservare il Paso Cenital. Inoltre la geometria della camera di osservazione si accomodò in modo tale che le date estreme in cui la luce solare penetrava in questa grotta indicavano l'arrivo di due date importanti per tutto il mesoamerica. Queste date sono il 29 di aprile e il 13 di agosto. Date che dividevano l'anno solare del loro calendario.

Observatorio Cenital del Edificio de Monte Albán
Oaxaca

La sua camera di osservazione possiede un tubo di pietra verticale dove venivano registrate i giorni del Paso Cenital in Monte Albán. Le date estreme di entrata dei raggi solari si incontrano a una distanza temporale di 65 giorni, prima e dopo del giorno del solstizio estivo.

Cueva Astronomica en Teotihuacan
Estado de México

Questa grotta localizzata al sud-est della piramide del sole è profonda quasi quattro metri. Al suo interno si trova una stela liscia e un altare. In base allo spessore dell'entrata della luce solare la grotta permette il registro dei solstizi e degli equinozi oltre che il Paso Cenital illuminando direttamente sia la stela che l'altare. Questa grotta di osservazione si utilizzò per calibrare la durata dell'anno solare con grande precisione.

Riferimento: 1 (file pdf)

mercoledì 15 luglio 2009

Playas famose del Messico


Visualizza Spiagge famose del Messico in una mappa di dimensioni maggiori


11.600 chilometri di litorali bagnano ed accarezzano il Messico.
Il Pacifico, il Mar de Cortez, l'Atlantico e l'azzurro mare dei caraibi danno a questa terra un tocco unico e speciale.
In questi chilometri possiamo trovare località turistiche di ogni genere e per tutti i gusti.
Le località balnearie a disposizione sono tantissime.

Queste che vi elenco sono senza ombra di dubbio le più conosciute e visitate di questo paese:



Acapulco, Guerrero (Oceano Pacifico)


La più conosciuta dai messicani con i suoi 640.000 abitanti è famosa soprattutto per la sua vita notturna. Intorno all'arco della sua baia che dà sul Pacifico, si possono trovare belle spiagge, resort, locali notturni, centri commerciali, ristoranti. Qui si trovano anche i famosi clavadistas, gli audaci tuffatori della Quebrada che si tuffano ad angelo nella stretta insenatura da una altezza che varia dai 25 ai 35 metri di altezza aspettando l'onda giusta.
Acapulco è raccomandabile alle persone che cercano divertimento piuttosto che rilassarsi.

Los Cabos, Baja California Sur (tra l'Oceano Pacifico e il Mar de Cortez)


Qui il Mar de Cortez si incontra con l'oceano Pacifico. Siamo nella punta estrema meridionale della bellissima penisola della Baja California.
Questa zona comprende 32 km di playas distribuite in 5 località: Cabo San Lucas, San José del Cabo, Santiago, Miraflores e La Ribera.
Punti di interesse sono El Arco, famoso faraglione, la playa del amor e quella del Divorcio e una simpatica colonia di leoni marini. Molte le attività messe a disposizione dalle strutture locali: snorkeling, kayak, pesca sportiva oltre che una vivace vita notturna. Luogo ideale per trascorrere la luna di miele tra bianche spiagge di finissima arena e lussuosi resort.

La Paz, Baja California Sur (Mar de Cortez)


Ha una importante cattedrale gesuita e uno straordinario malecon, il lungomare, dove poter ammirare bellissimi tramonti. Nei dintorni di La Paz si possono trovare luoghi altamente interessanti come Playa Balandra o la vicina Isla de Espiritu Santo con le sue bellissime e isolate spiagge, formazioni rocciose ed una grande colonia di leoni marini.
La Paz potrebbe essere un buon punto di partenza per l'avvistamento delle balene grige nel periodo invernale nella Bahia Magdalena a circa 4 ore di distanza. Per la sua ricca fauna marina La Paz è conosciuta in Messico come l'acquario del mondo. Luogo ideale per le persone in cerca di turismo legato alle bellezze naturali.

Ixtapa-Zihuatanejo, Guerrero (Oceano Pacifico)


A 200 chilometri a nord di Acapulco queste due località sono caratterizzate da bellissime spiagge di finissima arena ed acque verdi. Una combinazione tra ambiente tranquillo di un porticciolo di pescatori e lussureggianti strutture turistiche.
Un luogo ideale per poter praticare surf, windsurf e snorkeling.

Bahías de Huatulco, Oaxaca
(Oceano Pacifico)


Nove bellissime baie e 36 spiagge formano questo impressionante luogo famoso per la sua vegetazione, fauna marina e lussuosi hotel. Spiagge sabbiose ed acque trasparenti su di uno sfondo di verdi foreste tropicali. Fino agli anni '80 questo tratto di cota era solo un piccolo villaggio di pescatori ma le acque cristalline hanno attratto società immobiliari che hanno costruito grandi resort e case. Conserva però quell'aria tranquilla che sempre l'ha caratterizzata. Immersioni, snorkeling, kayak queste sono alcune delle attività cui il turista può praticare. Huatulco è ideale per chi è in cerca di relax.

Puerto Escondido, Oaxaca
(Oceano Pacifico)


Località famosa in Italia grazie dapprima allo scrittore Pino Cacucci che ha ambientato uno dei suoi più famosi romanzi, Puerto Escondido appunto, e succesivamente dal film, inspirato dallo stesso romanzo, di Gabriele Salvatores. Meta di surfisti e viaggiatori con zaino in spalla è una località ancora poco costosa e rilassante anche se ha perso con il tempo quella sua aria romantica e sognatrice che tanto la caratterizzava fino a un decennio fà. La spiaggia più adatta per fare surf è quella di Zicatela.

Manzanillo, Colima (Oceano Pacifico)


Conosciuta per le sue belle spiagge e per la pesca d'altura è ritenuta la capitale mondiale del pez Vela una specie di pesce spada. Situata nella costa centrale del Pacifico possiede un meraviglioso porto di epoca spagnola coloniale.
Manzanillo è anche la destinazione ideale per chi cerca relax e divertimento.
Playa San Pedrito, Playa Miramar, Playa Olas Altas, Playa Santiago, Playa La Boquita, Playa Las Hadas sono spiagge che offrono attività per tutti i gusti.
Di notte si possono visitare locali notturni e ristoranti per provare la squisita gastronomia del posto. La manifattura di collane realizzate con conchiglie del posto è una delle sue più importanti tradizioni risalente all'epoca preispanica.
Da visitare il malecon e le lagune che circondano Manzanillo ottime per il birdwatching.

Riviera Maya-Cozumel, Quintana Roo (Mar dei Caraibi)


Più di 120 chilometri di spiagge bianche e acque turchesi custodiscono storia e ricchezza degli antichi Maya. Dal tranquillo villaggio di pescatori di Puerto Morelos passando dalla famosa e vivace Playa del Carmen di fronte all'isola corallina di Cozumel, alle rovine maya di Tulum fino alla Reserva de la Biosfera di Sian Ka'an Patrimonio dell'umanità.
Ogni anno milioni di turisti visitano questi luoghi attratti dal fascino seducente della costa caraibica. La barriera corallina (la seconda più vasta del nostro pianeta) al largo della costa offre agli appassionati di immersioni e snorkeling alcuni tra i fondali più spettacolari del mondo.

Puerto Vallarta, Jalisco (Oceano Pacifico)


Puerto Vallarta, capitale dello stato di Jalisco, dapprima un pueblo tradizionale oggi una città di fronte alla baia naturale più grande del Messico. Pittoresca cittadina con il suo malecon, la sua vegetazione esuberante con i suoi antichi alberi e le stradine acciotolate fatte di case bianche e tetti di tegole rosse. Famosa anche qui per la sua pesca d'altura e per la sua ricca fauna marina che include delfini, tartarughe e balene Jorbadas che vengono a dare la luce i propri cuccioli lungo queste tranquille coste. Sono presenti diverse spiagge di sabbia bianca e numerosi resort che offrono ogni tipo di servizio ed attività.

Mazatlán, Sinaloa (Oceano Pacifico)


Chimata la Perla del Pacifico, Mazatlán è situata a soli 13 chilometri a sud del Tropico del Cancro, ed è il porto più grande della costa messicanca del Pacifico.
Il faro è uno dei più alti del mondo e fù messo in funzione alla fine del 1800. Si trova sul Cerro del Creston dove dalla sua cima si può ammirare la bellezza del paesaggio con la vista sul mare aperto.
Essendo una cittadina principalmente turistica conta con una serie di hotel e strutture per la ricezione dei viaggiatori.
Si possono trovare bellissime spiagge sparse in differenti punti della città como quella della Olas Altas ubicata a pochi metri dal centro storico dove si trovano diversi monumenti. La regione più attrattiva di Mazatlán è quella denominata Zona Dorada con più di 10 chilometri di fantastiche spiagge, buon ristoranti e hotel.
Per gli amanti della pesca d'altura questo luogo è una eccellente alternativa dove si svolgono anche importanti tornei di pesca.

Il Carnevale di Mazatlán è un'altra importante attrazione.
Durante la settimana che precede il mercoledì delle ceneri la città si trasforma con la sua musica, i balli, e le sfilate di carri in una delle più colorate e vivaci fiestas di tutto il Messico.

Veracruz, Veracruz (Oceano Atlantico)


Veracruz è stato uno dei primi insediamenti spagnoli in queste terre.
Conserva tuttora il fascino di una cittadina coloniale accogliente, vivace ed animata famosa anch'essa per il suo carnevale. Il cuore della città è lo zocalo dove sorge la cattedrale e il Palacio Municipal. Il porto di Veracruz è ancora molto attivo e il Paseo del Malecon è un bel lungomare costeggiato da pittoresche bancarelle.
Da visitare anche il faro Carranza e la fortezza di San Juan de Ulúa.
Le spiaggie più belle si trovano a sud: tra le più rinomate troviamo la Playa del Hornos, Playa Villa del Mar, Costa de Oro, Playa Mocambo. A Mandinga si possono noleggiare imbarcazioni per visitare le lagune di Antón Lizardo.

Cancún, Quintana Roo (Mar dei Caraibi)


Cancún insieme ad Acapulco è la località turistica più conosciuta del Messico.
Maestosi resort, spa, centri commerciali, campi da golf, bar e discoteche sono le principali attrazioni di questo antico porto Maya dalle chiarissime acque. Capitale del divertimento offre un sacco di attività sia diurne che notturne.
Con una temperatura media di 27 grados e con giornate soleggiate nella maggior parte dell'anno, questa località si può visitarla in qualsiasi stagione.
Si stima che ogni anno sia visitata da almeno due milioni di abitanti.
Di fronte a Cancún si può visitare la più tranquilla Isla Mujeres o i vicini siti archeologici di Tulum e Chichen Itzá.

Queste sono le spiagge più frequentate della repubblica messicana ma nei 11.600 km di litorale il viaggiatore può trovare anche altri luoghi affascinanti e meno frequentati dove poter godere incredibili paesaggi naturali lontani dal cosiddetto turismo di massa...

mercoledì 27 maggio 2009

Oaxaca


Oaxaca: un aspro territorio caratterizzato da un paesaggio arido e roccioso ma anche da foreste di pini e clima subtropicale.

Grazie alla popolazione, in gran parte indigena, e alla sua cultura, si deve la bella produzione artigianale e una vita artistica sempre più in espansione.

Oaxaca è anche il nome della città, capitale di questo stato. Fondata in epoca coloniale propone ai viaggiatori tanta storia e luoghi davvero interessanti. Nei suoi dintorni si incontrano le 3 Valles Centrales, quest'ultime caratterizzate da luoghi davvero interessanti e unici come le rovine di Monte Alban, Yagul e Mitla. Oppure Teotitlán del Valle, paese famoso per i suoi tappeti colorati. E poi ancora Hierve el Agua e le sue rupi ricoperte di minerali pietrificati, che le fanno sembrare grandi cascate di ghiaccio. Il mastodontico millenario albero del Tule, ritenuto il più grande al mondo. El pueblo di San Bartolo Coyotepec, famoso per le sue leggerissime ceramiche nere.

Oaxaca è anche la terra del Mezcal, dei funghi allucinogeni di San José Pacifico e del mare. La sua costa propone luoghi straordinari. Puerto Escondido e le lagune adiacenti, Mazunte, Zipolite, Bahias Huatulco né sono la testimonianza.

La mescolanza di zone climatiche temperate e tropicali, conferiscono a questo stato un paesaggio vario e una ricca biodiversità.

Oaxaca ha lasciato in me un segno davvero profondo. Mi emoziono sempre nel ricordarmi la sua terra ed è per questo che la considero e consiglio sempre come una delle principali destinazioni per chi vuole visitare e conoscere il Messico.

Il viaggio si può compiere comodamente in una decina di giorni (i primi 4 nell'entro terra e i restanti sulla costa), magari affittando un'automobile. La strada statale 175 che da Oaxaca conduce alla costa è lunga più o meno 250 km e per percorrerli ci vogliono all'incirca 6 ore di macchina dovute alla serie dei tornanti e saliscendi. Cosa che non deve assolutamente spaventare perchè lungo il cammino gli scenari sono davvero spettacolari e unici: si parte dall'arida zona di Oaxaca città per poi salire sulla sierra madre caratterizzata da fresche montagne ed abeti per poi scendere ed arrivare finalmente sulla costa con il suo clima tropicale. I mesi migliori sono quelli compresi tra Dicembre e Marzo, in modo anche da poter osservare la grande varietà di uccelli che si trovano nelle lagune lungo la costa Oaxaqueña.

lunedì 25 maggio 2009

Mazunte e le Tartarughe


A sud del Messico si trova lo stato di Oaxaca: uno stato ricco di cultura, flora e fauna.
Sulla sua costa, a pochi chilometri da Puerto Escondido, c'e' un piccolo pueblo chiamato Mazunte.
Mazunte mi ha sempre affascinato fin dalla mia prima visita. La strada principale è appena asfaltata, non esistono hotels ma Cabañas dove si dorme su amache con la compagnia dell'oceano pacifico. Si respira pace e tranquillità una dimensione particolare che ho provato in pochi luoghi lontano dalle aree urbane delle zone hotelere più famose. Immerso totalmente nella vegetazione, Mazunte conserva un meraviglioso santuario e museo delle tartarughe le quali vengono a depositare le uova su queste spiagge. Chiunque può essere partecipe alla schiusa delle uova risultando un' esperienza straordinaria e unica.


"Conoscere per conservare" è il detto del Centro Mexicano de la Tortuga (CMT), dove un gruppo di persone contribuisce ad aiutare le tartarughe marine di Oaxaca con l'obiettivo di informare e fare prendere coscienza ai visitanti dell'importanza di mantenere l'equilibrio tra l'uomo e la natura sempre più distanti tra loro e non intesi come parte integrante.


Delle 11 specie di tartarughe marine che abitano il pianeta, 10 di loro arrivono sulle spiagge messicane per deporre le proprie uovo sulla sabbia. Da Marzo a Novembre
ogni anno queste spiagge solitarie si convertono in un santuario per la vita e la propagazione di queste creature. Nel 1997 sono state contate l'arrivo di 900.000 tartarughe sulla spiaggia "La Escobilla" di Mazunte. Nello stesso anno 60.000 persone sono riuscite ad entrare in contatto con centinaia di tartarughe e il loro affascinante mondo passando così da turisti a persone con una coscienza più profonda in merito e amanti del medio ambiente. Gli studiosi del CMT sono convinti che quando non conosciamo qualcosa direttamente a volte non ha nessun significato per noi e pertanto non è nostro interesse conservare. Per questo rendere partecipe la gente è la miglior arma perchè la vita di queste tartarughe si rispetti. Sensibilizzando.

Mazunte anticamente era chiamata Maxontetia, nella lingua Náhuatl si compone da Ma, imperativo, xon, che indica una forma di supplica, e tetia, deponere le uova, è come dire: “Perfavore deponi le tue uova!”

Nei secoli scorsi poche famiglie vivevano a Mazunte dovuto al fatto dell'inacessibilità del posto. Fino a qualche decennio fà l'attività principale della popolazione si basava sulla caccia e sulla lavorazione delle tartarughe. Con il passare degli anni e con il pericolo d'estinzione di questi rettili nel 1990 si è provveduti alla salvaguardia delle tartarughe. Gli abitanti a quel punto ripiegarono sull'industria del legname e incominciarono a disboscare in modo indiscriminato le foreste circostanti. Fù cosi che, su pressione della Ecosolar (un gruppo ambientalista di Città del Messico) si autoproclamò Mazunte riserva ecologica nell'intento di tutelare l'ambiente e allo stesso tempo creare un modello economico sostenibile. Il ruolo chiave è stato svolto dal turismo incoraggiato anche dal CMT che fù inaugurato nel 1994.

A Mazunte finalmente possono tranquillamente arrivare a depositare le uova le tartarughe Prieta, Laúd, Carey e la Golfina, quest'utlima è la specie più attiva su queste spiagge.

Per chi decide di fare un viaggio particolare in Messico, Mazunte rappresenta una valida alternativa. Si può contribuire aiutando il centro CTM anche come volontario. Una esperienza di vita indimenticabile.

Per maggiori informazioni: Centro Mexicano de la Tortuga


Indirizzo:

Kilómetro 10, carretera Puerto Ángel - San Antonio
Mazunte, Sta. María Tonameca
Oaxaca
México
70902
email: contacto@centromexicanodelatortuga.org
Tel. 958-58-43376

Informazione addizionale: Apartado Postal Num 16. Puerto Ángel, Oaxaca, C.P. 70902 México

________________________________________________

Approfondimenti su Ecosolar: 1 (Español)